L’INTERVISTA DEL MESE | DICEMBRE

December 10, 2021

Ha inizio la nuova rubrica mensile di Live Bomber: L’INTERVISTA DEL MESE!

La rubrica affronterà tutti i temi che ruotano attorno al mondo delle riprese sportive: approfondimenti tecnici ed esperienze sul campo.

Ad inaugurare questa iniziativa, Abele Panseri, calciatore della provincia bergamasca e allenatore dei portieri.

Conosce l’ambiente delle società di quella specifica area geografica ed ha toccato con mano l’esperienza Live Bomber, facendosi riprendere durante un evento sportivo. 

Con lui, abbiamo parlato di sport, calcio provinciale e ovviamente di Live Bomber!

Buona lettura!

Ciao Abele. Per iniziare, raccontaci di te e del tuo rapporto con lo sport.

“Ho iniziato a praticare sport da molto piccolo, con la Scuola Calcio.
Iniziai come portiere, mi piaceva molto. Ricordo persino un torneo in cui riuscii a parare quattro rigori su cinque. Il Calcio mi ha sempre mosso qualcosa dentro e ce la mettevo sempre tutta. Ero sempre uno dei primi a fare i giri di campo e cercavo sempre di imparare cose nuove. Verso i 10 anni, poi, partecipai ad una gara di Atletica, arrivando terzo.
Conservo ancora quella medaglia. Per la prima volta ho pensato: “Ce l’ho fatta!”
Poi, complici gli infortuni, ho fatto l’allenatore dei portieri per qualche anno, aiutando mio fratello che era l’allenatore di quella squadra. Ora con gli amici abbiamo il nostro team di calcio a 5 e sono tornato fra i pali.
Per me, lo sport è divertimento e condivisione, ma anche “farcela”, perché puoi permetterti di sognare e raggiungere quei sogni.”

Quando e come sei entrato in contatto con il mondo Live Bomber?

“Ho conosciuto Live Bomber attraverso un operatore, poiché abbiamo realizzato la ripresa video della partita organizzata per l’addio al celibato di mio fratello. È stata un’esperienza nuova e molto divertente.
Credo sia un po’ il sogno di tutti essere ripresi durante la propria partita, a prescindere dall’importanza della stessa.”

Pensi che sapere di essere filmati, magari in diretta streaming e quindi con più spettatori in visione, possa condizionare le prestazioni di un giocatore?

“Ci sono giocatori che soffrono la pressione, altri si esaltano. Il pubblico può condizionare.
Io ad esempio, sono il classico giocatore che più gente c’è a guardare, più gioco bene.
È la voglia di dimostrare che mi carica. Se poi arrivano le critiche, con la ripresa video si ha la possibilità di rivedere le situazioni e discuterne con lo staff e con i compagni, per crescere.”

Live bomber offre la possibilità di avere il proprio profilo esclusivo, con tutte le azioni personali. Cosa può rappresentare questo per un bambino, che magari sogna di essere come Messi e CR7 e con questa applicazione può avere il suo profilo e scalare i vari livelli?

“Nel mondo di adesso, questa possibilità esalta un bambino. È bene comunque che li si educhi e li si mantenga con i piedi per terra, perché altrimenti rischiano di perdere la cosa più importante: la passione. Il ruolo degli educatori in questo è fondamentale.
Perché lo Sport è Passione, ti muove il cuore.”

Cosa può significare invece, per una società?

“Credo che la componente principale sia la visibilità. Ogni società punta a farsi conoscere, ed una realtà strutturata potrebbe anche inserire delle componenti di serietà inerente alle riprese video. Potrebbero sottolineare l’importanza dell’immagine ai giocatori, del comportamento da tenere in campo e fuori, della responsabilità che si ha quando si è visti in diretta streaming. Questi dettagli possono fare la differenza.
Inoltre, piccole società possono mettere in mostra i propri talenti per cercare di monetizzare. Catalizzare l’attenzione delle squadre più forti ed economicamente solide.
Prima era estremamente difficile: si riusciva a fare questo solo giocando direttamente contro questo tipo di squadre.”

Sei nato e cresciuto nella bergamasca, sportivamente e nella vita. Funzionerebbe nella tua realtà il sistema di riprese video di Live Bomber?

“Credo di sì. Molte società sono già sui social e questo sarebbe un ottimo modo per ottimizzare il servizio settimanale, verso il pubblico e verso i propri giocatori.
Inoltre, le società si fanno da sempre i conti in tasca e sono alla ricerca perenne di sponsor.
La possibilità che Live Bomber offre, di dare visibilità ai partner commerciali, potrebbe rivelarsi la carta vincente. L’unica difficoltà è che sarebbe comunque una novità per il calcio di provincia, che non è abituato a questo, almeno da queste parti. Ma dopo un paio di iniziative, si accoderebbero molte realtà locali.”

Per quale motivo il calcio di provincia è ancora estraneo a questi orizzonti?

“Molti forse non conoscono abbastanza l’applicazione. Altri invece semplicemente ignorano le potenzialità di uno strumento così, per sufficienza. Poi c’è da capire se qui ci sarebbe qualcuno disposto a riprendere, a diventare operatore.”

Hai parlato di tornei amatoriali. Cosa cambia fra un torneo senza riprese video ed uno che offre la ripresa video di tutte le partite, highlights dell’incontro e premi individuali sulla base delle prestazioni?

“Cambia tutto. Con un meccanismo di questo tipo, un torneo di paese diventa un torneo di zona. E non solo nel calcio. Questo servizio può fare la differenza in tanti sport praticati qui.
Gli stessi proprietari dei circoli sportivi dovrebbero interrogarsi sul prestigio che un servizio come questo darebbe alla propria organizzazione.”

Sei stato preparatore e hai fatto parte di uno staff tecnico. Può uno strumento come Live Bomber essere d’aiuto al parco osservatori di una società per scoprire talenti?

“Sicuramente potrebbe accendere l’interesse verso un giocatore. Trovarlo spesso negli highlights o notare negli estratti video che è dotato di un tocco palla importante sono elementi che potrebbero spingere un osservatore ad appuntarsi il nome e la squadra di appartenenza, perché no.
Lo ritengo comunque uno strumento valido per iniziare la valutazione, non definitivo perché credo che il giocatore si valuta soltanto sul campo, dal vivo.”

Chiudiamo con un gioco: facciamo finta di accedere al tuo profilo personale Live Bomber: quale azione sogni di trovare?

“Sogno un uno contro uno, con l’attaccante che ci prova con un diagonale al volo.
Io mi tuffo e la devio, arriva il secondo attaccante di ribattuta ma mi rialzo e gliela metto in calcio d’angolo.

Ah, è successo davvero.

Hai trovato interessante questa intervista? Facci sapere la tua opinione!

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità del mondo Live Bomber?
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER


Leggi anche:

Come realizzare Highlights senza Post Produzione

È possibile ridurre (fino ad azzerare) i tempi post produzione? È possibile creare highlights immediati della gara a...

smartphone bombertech
Come cambia l’hi-tech delle riprese con lo smartphone

Per chi si vuole avvicinare al mondo delle riprese all’livello dilettantistico l’iPhone da solo non può bastare. In questo...

Il mondo dei Social dalla Pandemia ad oggi

In questo articolo parleremo di come la pandemia ci ha costretti a guardare il mondo dello sport in un...

Enrico Rossignoli: «Live Bomber tra bilanci e prospettive»

Abbiamo intervistato Enrico Rossignoli, CEO e Founder di Live Bomber assieme ad Alessio Stramacci. Con lui abbiamo fatto un...